giovedì 31 ottobre 2013

Arma del delitto

Come il menestrello stesso vi ha anticipato più di qualche volta, c'è l'intenzione di pubblicare i racconti del blog, il problema dell'impresa non sembra essere imputabile alla volontà del menestrello o alla forma dei racconti, anzi. Il lavoro di correzione aggiuntiva e soprattutto la contestualizzazione dei vecchi capitoli, necessaria a togliere il senso di leggere una storia a puntate, sembrano andare di pari passo con il lavoro principale (che è di pubblicare la storia sul blog). Allora perché il menestrello ne parla come se dipendesse da lui?
Sembra banale pensare alla pubblicazione oggigiorno, difatti basta gironzolare un po' su internet per trovare decine di modi diversi per l'autopubblicazione (che è l'obbiettivo unico del menestrello), peccato che persino i baroni di questo campo abbiano da dire la loro sul processo di creazione/consumo di simili opere, si perché guarda caso c'è sempre un costo. Sia per l'autore che per l'editore c'è da sudare, il menestrello non dice il contrario, ma perché su un prodotto telematico, fatto e finito, oltre che completo di copertina (Narcissus parte dalla modica cifra di 30€ per una bozza di copertina messa da loro), il povero menestrello vostro non può decidere il prezzo?
Il demonico menu a tendina di tutti i siti che parlano di autopubblicazione recita come prezzo minimo l'euro mimetizzato (l'inflazionato 0,99), inutile dire che il menestrello non vuole pubblicare in tal modo:
  • L'ipotetica versione integrale non sarebbe un inedito
  • Andrebbe contro l'ideale stesso per cui è nato questo blog
Ciò per chi, come il sottoscritto, avrebbe voluto partecipare al KDP e che al principio vedeva una simile trovata la vera occasione per dare una scossa alle vetuste case editrici nostrane, purtroppo lascia solo un senso di sconforto. Il menestrello vostro sarà solo una voce fuori dal coro, perché l'idea (come già detto) è buona, ma se il povero autore ci mette qualcosa, perché un colosso come Amazon non ci mette del suo e rende il prezzo completamente libero? Anche i 30 € per la copertina a quel punto potrebbero essere accettabili, a patto che sia io a decidere cosa far spendere ai miei futuri (possibili) lettori.

Qualcuno sta già pensando (ammettetelo) che il menestrello sia folle nel pensare così, ma proprio limitando questo genere di cose si limita la possibilità di chi vuole pubblicare solo per pubblicare, perché se non si smette di strizzare l'occhio al vile denaro, come possiamo aspettarci davvero l'ingresso nella famosa "editoria 2.0" decantata da Amazon e simili?

Nessun commento:

Posta un commento