venerdì 3 febbraio 2012

La notte dei menestrelli viventi

Era tanto che non succedeva, ma come dice il detto, il lupo perde il pelo ma non il vizio e quindi eccoci ancora una volta a parlare di intercettazioni telefoniche, in barba a leggi bavaglio, politici, bacchettoni e pure ai tartari! Non fosse che questa volta c’è di mezzo una vittima innocente!

Martedì 31 Gennaio 2012 ore 04:13 – Letto dello Mecenate.

Sulle note di una canzone che lo Mecenate si rifiuta di conoscere squilla il telefono della Signora del Castello. Lo Mecenate si sveglia, sveglia la moglie che dorme della grossa e le indica il telefono, sul display la scritta “Menestrello” gli fa strabuzzare gli occhi, ma vendicativamente chiede – Chi diavolo è? –
La Signora del Castello lo guarda, guarda il display del telefono, risponde sconcertata e con voce stravolta dal sonno – Si? – (La conversazione seguente esce fuori da due interviste incrociate e dalla logica deduzione dello Mecenate nel seguire il discorso)
– Felicitazioni madonna! – esplode la voce del Menestrello all’altro capo, in sottofondo c’è un brano uscito fuori probabilmente da “Music for Airports” di Brian Eno (Lo Mecenate è un cultore della musica ambient, mica come sua moglie!).
– Menestrello giammai avrebbe voluto disturbare riposo di vossignoria, ma codesto dubbio assale sua mente e nega riposo: madonna arrivò a pagina 112 di scritto di menestrello? –
– Lerigo ma sei impazzito? – fa la povera vittima – Di notte la gente normale dorme! –
– Codesto menestrello non l’è diverso da niuno, esso l’è financo oberato dallo lavoro e li scritti sui invero chiedono a gran voce di ricever conclusiona. – spiega il Menestrello dall’altro capo.
La Signora del Castello guarda lo Mecenate con uno sguardo incerto, probabilmente una parte di lei vorrebbe lanciarsi fuori dalla stanza e fino a casa del Menestrello per farlo pentire, mentre l’altra pensa a quanto possa essere stata ingenua nell’accettare (contro il consiglio dello Mecenate) di leggere un libro del Menestrello – Lerigo ne parliamo domani va bene? –
– Menestrello attende con impazienza responso di vossignoria. –
La comunicazione si chiude, un ti avevo avvertito aleggia nell’aria, ma lo Mecenate preferisce dormire nel proprio letto che aver ragione sulla Signora del Castello e soffocando una risata si rimette a dormire.

Martedì 31 Gennaio 2012 ore 07:41 – Casa dello Mecenate.

Suonano al citofono. Lo Mecenate con indosso l’accappatoio fa uno sbadiglio e cerca d’immaginarsi una ragione valida per disturbare in casa d’altri mentre la gente si sveglia per andare al lavoro – Chi è? –
– Salute a voi Mecenate, codesto menestrello l’è giunto in vostra dimora, portando bisaccia di provvigione e decima. – (la decima in questione è un capitolo da correggere)
Lo Mecenate apre al Menestrello aspettandosi che la Signora del Castello faccia una sfuriata contro il malcapitato che ha avuto la brillante idea di svegliarla, prima di farlo entrare in casa gli chiede della telefonata notturna e poi controlla cosa abbia portato con se.
La Signora del Castello si affaccia dalla cucina, gli occhi sbarrati alla vista di Lerigo attirano lo sguardo dello Mecenate, il quale ricorda che l’abbigliamento della moglie consiste esclusivamente di una felpa ed un paio di mutande – Lerigo non dovevi portare i cornetti! – fa lo Mecenate per prendere tempo.
Il Menestrello sorride sornione e confessa – Lo prode Ammiraglio Doria dice sempre che prender lo nemico alla gola l’è vittoria di certo esito! –
Senza star a commentare oltre lo Mecenate sta per spiegare il motivo per cui vuole trattenerlo, quando la Signora del Castello si presenta in ghingheri e sorriso – Madonna! –
– Buongiorno Lerigo. – risponde la Signora del Castello con un’espressione a metà tra l’omicida e la disperata – Cosa ti è saltato in mente stanotte? –
Il Menestrello da bravo ospite presenta sei cornetti fumanti comprati dal forno dove la Signora del Castello fa sempre la spesa, prima di confessare – Codesto povero menestrello l’è impaziente, esso si strugge dallo dubbio, deve canoscere parere di vossignoria! L’è blusa di protagonista dello giusto color? –

5 commenti:

  1. La domanda è... quale sarà la canzone che Mecenate si rifiuta di conoscere?!

    ... dite la verità... siete contenti che io sia tornata!??!

    (se la risposta è "no" potete anche evitare di rispondere)

    RispondiElimina
  2. Menestrello sei terribile!
    La signora del castello è troppo buona!
    E la blusa?
    Buon week end a te e Mecenate^^

    RispondiElimina
  3. Saluti madonne!
    Codesto menestrello si dispiace di porre tarda risposta, ma financo esser peggio di turco invasor, codesto menestrello ha terribile nemico allo uscio suo. :(

    @Madonna Godot: Giammai fu dispiacer! Codesto menestrello l'è felice che vossignoria sia infine giunta (esso stava attendendo!)

    @Madonna Daisy: Signora di Castello l'è financo pronta allo risolvere quesiti di codesto menestrello, ordunque esso chiama all'abbisogno!

    RispondiElimina
  4. In questo caso, perdonami Lerigo, tutta la mia solidarietà alla signora e allo sposo suo. Guai a svegliarmi quando dormo.
    Che fine ha fatto il delfino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Codesto menestrello non conosce sorti dello prode delfino, financo attender mecenate vossignoria spiritata lo pensi in braccio allo divino Morfeo

      Elimina