mercoledì 16 novembre 2011

La notte porta scompiglio!


L’altro ieri non poteva andare diversamente, avevo aspettato la telefonata tutto il giorno, persino in riunione avevo temuto che il telefono vibrasse, immaginate poi una tavolata di colletti bianchi ed io che insisto “No ora non posso, ti richiamo dopo!” con la canzone di Oldfield in sottofondo.

Martedì 15 Novembre 2011 ore 03:47 – Letto dello Mecenate.

Sulle note di apertura di Firth of Fifth lo Mecenate si sveglia con un lamento, accanto a lui la Signora del Castello (il nome in codice è necessario) con voce assonnata impreca incomprensibilmente, lo Mecenate strabuzza gli occhi e quasi irrispettosamente il telefono ripete la parte di piano, specie perché sul display c’è la scritta inequivocabile “LOL”, pensando che persino il telefono lo prende per i fondelli lo Mecenate si volta alla Signora del Castello, che impreca in modo ben più comprensibile, ma per far smettere la suoneria risponde.

– Pronto. – prima di una qualunque risposta le orecchie dello Mecenate vengono seviziate oscenamente dalla canzone di Oldfield sparata almeno al quadruplo del volume a cui dovrebbe essere ascoltata la musica alle quattro del mattino.
– Oh mio mecenate!
La Signora del Castello, completamente svegliata dalla melodia, impreca in modo pesante e lancia diverse maledizioni generazionali persino allo Mecenate, nel tentativo di agguantare il telefono – Ma che è ‘sto casino?
– Menestrello si scusa per ‘sìffatta fanfara e l’ora tarda…
– Chi è? Ancora quel cretino che parla come Dante Alighieri? – tuona la Signora del Castello sommergendo le parole di Lerigo e la musica (la quale nel frattempo non è stata abbassata)
Lo Mecenate guarda la sua dolce metà facendole un gesto con la mano, sia per zittirla, sia per prendere tempo, conscio che a lei Lerigo piace come il caffè salato – … Ordunque menestrello chiedeva a se stesso se codesta soluziona l’è fattibile! Oh Mecenate, vostra illuminata maestria darà consiglio allo menestrello? – dice Lerigo, in completo nirvana.
– Non so dirti su due piedi se così l'affare andrebbe in porto, possiamo fare domani? – chiede lo Mecenate, sapendo che un qualsiasi accenno al menestrello potrebbe garantirgli una bella nottata sul divano.
– Menestrello non vuole aspettare! Mecenate forse non ricorda che ispiraziona chiama quando essa desidera? Codesto menestrello non disturberebbe vossignoria financo esser chiamato scocciatore, Invero menest… – lo sguardo furente della Signora del Castello distrae lo Mecenate, il quale per un istante immagina di lasciare i due a litigare e tornarsene a dormire.
– Financo ammancar di tatto lo menestrello indugia.
– Fai come vuoi Ler… ehm!
(Beh il resto lo immaginate)

Martedì 15 Novembre 2011 ore 07:30 – Divano dello Mecenate.

Sulle note di apertura di Firth of Fifth lo Mecenate si sveglia con un lamento, accanto a lui un orrendo soprammobile regalato dal parente X della Signora del Castello (di cui lo Mecenate ricorda a malapena il grado di parentela), lo guarda con occhi di vetro.

– Menestrello vostro l’è genio di paragone inimmaginabile!
– Leonardo da Vinci io avevo ancora una mezz’ora di sonno, lo sai che non devi chiamarmi su questo numero. – sbotta lo Mecenate, alzandosi dal suo scomodo giaciglio.
– Mecenate intese lo menestrello, esso domandò di sviluppo dello loco comune, vossignoria fu colpito da masso o madonna che vi ‘compagna l’è furente de novo?
– Magari fosse stato soltanto un masso.
– Ordunque mecenate, dite vostra favella, menestrello dovrebbe seguitare nella sua idea di codesta nottata?
Lo Mecenate scuote la testa, ma consapevole che la Signora del Castello potrebbe arrivare a farlo dormire sullo zerbino annuisce con enfasi e fingendo tono deciso risponde – Ma si certo, non l’ho detto anche stanotte? Sono completamente d’accordo, ma lasciami questo mercoledì: devo pubblicare una cosa!


Firth of Fifth by Genesis on Grooveshark 
La suoneria dello Mecenate (fino a 1:07)

14 commenti:

  1. Sei meravigliose XD e invero penso che lo tuo Mecenate possieda doti di grande amatore se la sua Bella continua a condividere il suo giaciglio dopo queste telefonate notturne. XD

    RispondiElimina
  2. A Signora dello Castello lo menestrello piace! Invero fu mecenate a trovar difficoltoso competer con favella di menestrello a cospetto di 'compagna sua!
    Financo derider menestrello fu giubilo, 'sìffatta inguria l'è prova: niuno ha mente alli piani dello menestrello!

    RispondiElimina
  3. Si le piaci molto quando fai il buffone, ma decisamente poco quando chiami all'ora di cena oppure se ti presenti alle otto del sabato mattina con in mano una risma di carta da correggere!

    Chagall non c'è bisogno, la Signora del Castello è soddisfatta della SUA scelta e come la tua Bella pensa di essere lei a sopportare me e non il contrario :D

    RispondiElimina
  4. Step NON e sottolieno non dargli spago!

    RispondiElimina
  5. ^_^ che discoli pargoletti orsù! Ehm... no... leggere menestrello mi fa male!

    RispondiElimina
  6. Oh no.... un'altra vittima! Scappa prima che sia troppo tardi!

    Ed io farei bene ad uscire dall'ufficio prima che sia troppo tardi!
    Cmq benvenuto :)

    RispondiElimina
  7. Mecenate, ma non lo vedi che Godot è una donna? Ti devo spiegare tutto!

    RispondiElimina
  8. Spiritato messere fu nel giusto!
    Oh ignorante mecenate, vossignoria dovrà porre scuse a madonna Godot, financo prostrarvi a zerbino quando essa arriverà!

    RispondiElimina
  9. Invero sì Mecenate lo spiritato Messere pittore e il menestrello hanno ragione... non essendo io nerboruta neanche un po' eppure comprendo il vostro errore ordunque... ehm... calma buoni gentiluomini (ODDIOOOO mi si è attaccatoooo!) Non mi offendette la svista de lo Mecenate...

    ... ok.. mi ricovero! 8O

    RispondiElimina
  10. Non è necessario parlare come Lerigo eh, io sono due anni che cerco di cacciargli dalla testa di essere un menestrello del '500, ma è inutile!

    Cmq essendo io cattivo (tutti lo pensano, mi sa che ci sto prendeno anche gusto!) faccio notare che il Godot di Beckett era un signore, un po' come se una si chiamasse Osiride e peggio ancora quando qualche madre non troppo informata chiama sua figlia Vanja - che guarda caso è il diminutivo di Ivanovic!

    (devo incominciare a mettere anche le risate maligne da qualche parte)

    RispondiElimina
  11. Ma se non tentiamo di parlare ocme lui, poi lui si offende!!! E si sente escluso... e non potrei maiii è così gentile!!!

    Cattivo tu?? Maaaaaaaaaaaccccheeeee... IO sono cattiva! GnecGnecGnec <- visto! Ho anche la risata!

    RispondiElimina
  12. Mecenate? Ma quale cattivo? La tua è una missione. :D

    RispondiElimina
  13. Non v'è offesa nello ammancar di 'sìffatta favella, menestrello l'è tale e non tiranno, financo non voler imporre menestrello accoglie onni favella in suo umile loco!

    RispondiElimina