mercoledì 7 settembre 2011

Il collezionista di farfalle

La proposta di Lerigo di aggiungere un mio piccolo contributo alle sue pagine mi ha intrigato, ma io non riesco a scrivere nel modo in cui fa lui e sono uscito dalle 25 righe permesse. Spero non me ne vogliate perché è la mia prima uscita al pubblico!
Lo Mecenate


Nel tempo la mia passione per lo studiare gli scritti e le imprese di persone vissute in tempi lontani o non vissute affatto mi ha sempre più disgustato: la vita vera non si può comparare con poche righe di quell'impresa titanica o con la follia di un semplice capitolo riepilogativo! Quello che serve non è solo inchiostro e carta puzzolente, non basta! Serve di più per le mie membra e spesso non occorre andare troppo lontano per trovare l'ispirazione: a me sono bastati i pochi passi di un giorno di sole.
Camminavo per la strada fissando i passanti con lo sguardo torvo di chi non ha più fiducia in nulla, percependo la perversa corruzione dell’umanità: un bagaglio che ognuno di noi ha sulla schiena ma di cui non percepiamo alcun sintomo, così umano tra gli umani andavo in giro, con il mio bel bagaglio putrido sulle spalle, lanciando occhiatacce a passanti che si azzardavano a fissarmi negli occhi.
Di colpo però la giornata di sole d’inizio aprile mi vide scoprire una nuova ragione di vita e passando da uno sguardo curioso all’altro incontrai quello di una farfalla. Le sue movenze catturarono immediatamente la mia attenzione, mentre la sua bellezza catturò il mio spirito, danzava a pochissimi centimetri da me e quasi non mi resi conto che andavamo ognuno per la propria strada, mi voltai. Dovevo averla! Era importante, quasi più importante della mia vita!
Cambiai strada per andarle dietro e come un folle dimenticai l’ordine delle cose, ma era chiaro che quell’essere dalle movenze erotiche e dall’aspetto elegante e raffinato dovesse essere mia! Dopo un centinaio di metri di quell’inseguimento silenzioso un pensiero mi catturò la mente e mi fece trasalire: non potevo essere come tutti gli altri, non potevo distruggere quella danza ritmica e quello svolazzare nell’aria che tanto mi aveva rapito! In un istante parte del mio corrotto bagaglio mi cadde dalla schiena e quasi mi sentii rinascere, ma dovevo studiarla, capirla, cercare un modo per farla mia anche senza appartenere al suo mondo, mi dissi che occorreva tempo, ma quando la raggiunsi cercando d’afferrarla ricadendo nel mio peccato come un animale impacciato, lei mi sfuggì dalle mani con un’acrobazia tanto naturale da sembrare la strada più giusta. Senza perdermi d’animo la seguii, cominciavo a conoscere la sua mente, studiarla era quasi più appagante che possederla e comprendere quell’essere tanto effimero da svolazzare qua, nella sua erotica danza aerea, era come trovare cento libri che parlassero di ogni respiro e di ogni pensiero di quegli stessi personaggi veri o immaginari che passavano come parole sotto ai miei occhi. Da quel giorno a me non serve parlare loro o farne collezione come certi zotici che intaccano i muri, mi basta comprendere la mente di ognuna di esse che siano farfalle, falene o persino lucciole, studiare il loro comportamento e dilettarmi, mentre danzano in quel volo effimero che tanto le diverte.

4 commenti:

  1. Mio amatissimo Mecenate,

    ha dato sfogo alla sua creatività con molto ingegno!

    Lerigo sarà molto soddisfatto del suo capolavoro!
    ;-)

    RispondiElimina
  2. Oh mio mecenate! Ambrosia dalle labbra di vossignoria e gioia per lo pubblico che ascolta sbigottito siffata ordalia!
    Codesto menestrello non può che chinare il capo a siffatta prosa eccellente, ricordando a suo fedele padrone che lucciole e falene son dispettose come serpi dalla lingua biforcuta e tanto difficili da scacciare!

    RispondiElimina
  3. Quasi meglio il mecenate!!! eheh! Ma il bagaglio putrido sarebbe la corruzione dell'umanità? Comunque complimenti!

    RispondiElimina
  4. Oh possente fiera, ordunque ella preferisce lo mecenate al menestrello, giammai io voglia negar allo mecenate mio fama e gloria, seppure l'invidia un poco mi coglie

    RispondiElimina