mercoledì 20 aprile 2011

MI SON LERIGO!

Ella fu mia vita fin nel mezzo
parlai ne volli in solo pezzo,
'siffatta con stesso attrezzo
delle mi storie qui battezzo.

Lerigo Onofrio Ligure nasce a Recco il 12 ottobre 1492 da Marta De' Schiavoni e Antonio Ligure, ha intrapreso gli studi di avvocatura per seguire le orme del padre, studi interrotti all'età di 24 anni (1516) quando conosce Maria Luisa degli Infanti, la donna di vent'anni più anziana di lui lo introduce alla letteratura classica e lo spinge a diventare poeta. In seguito alla morte della madre, appena 6 anni dopo (1522), Lerigo lascia la Repubblica di Genova e si trasferisce alla corte di Francia dove l'anno successivo (1523) a seguito di un'accesa lite con Guillaume Budé è costretto a lasciare Parigi e rifugiarsi a Milano. Nella città lombarda conosce Ludovica Arcangeli con la quale incomincia una lunga corrispondenza di cui non si hanno che piccoli accenni in altre lettere e poesie postume.
Il soggiorno a Milano comporta una relativa ricchezza ed è in questo periodo che la sua opera si estende oltre la poesia, favorito anche dai suoi continui viaggi per conto dei dominatori spagnoli, conosce Ludovico Ariosto a Ferrara, visita Machiavelli a Firenze, in questi anni fiorisce anche l'amicizia con il futuro cardinale Pietro Bembo, coronata da una serie di epistolae nelle quali Lerigo dichiara apertamente i suoi dubbi riguardo la possibilità di una risoluzione pacifica della questione europea, inseme alla sua frustrazione di vedere la sua terra natia al soldo dei francesi. Nel 1528 s'interessa apertamente delle imprese dell'Ammiraglio Andrea Doria e della restaurazione della Repubblica Genovese. Quando all'età di 40 anni (1532) viene a sapere della morte del padre torna in Liguria in qualità di funzionario del regno di Spagna, ma ben presto s'interessa alla situazione genovese, anche rimanendo fuori dalla politica della città.


 Per contattare codesto menestrello:

Lerigo Onofrio Ligure
Su Facebook e G+
lol(dot)recco(at)gmail(dot)com
Sostituite la sintassi corretta dove ci sono le parentesi

5 commenti:

  1. Eh be'! Una vita piuttosto pienotta, devo dire. :)

    RispondiElimina
  2. Di menestrello non ebbi solo favella madonna! Invero biografia fu incompleta: ammanca la famosa Gianna, mio mecenate, financo racconto di mie opere!

    RispondiElimina
  3. Ah... proprio un giovincello... :)

    RispondiElimina
  4. Della serie: quale personaggio avresti voluto essere se fossi vissuto in un'altra epoca storica?
    Non v'è dubbio che la tua è stata una scelta tanto singolare quanto interessante. Altrettanto interessante, poi, appare il tuo blog.
    Un saluto

    Scrutatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saluti madonna
      Lo menestrello vostro l'è felice di accoglier vossignoria allo loco suo, giacché novo visitator l'è gioia di codesto menestrello!

      Elimina